Quale tipo di prestito scegliere?

Come scegliere se ricorrere ad un prestito personale o finalizzato?


Prestito personale

scegliere tipo di prestito La caratteristica principale del prestito personale è quella di non essere finalizzato all'acquisto di un bene preciso, pertanto l'ente che eroga il prestito non richiederà, al momento dell'istruttoria, il fine per il quale lo si sta richiedendo. Ciò avviene solo a livello informale in quanto non verrà riportato sul contratto la motivazione, ma in realtà, a livello informale, ogni banca o finanziaria chiederà effettivamente il perchè si sta richiedendo questo prestito al fine di meglio valutare i rischi connessi con l'operazione.
Il prestito personale è una forma di credito al consumo e può essere richiesto esclusivamente da persone fisiche.
L'importo erogato viene messo a disposizione diretta di chi lo riceve.

Prestito finalizzato

Diverso è il caso in cui si voglia avere credito richiedendo un prestito finalizzato. In questo caso, come evidenzia la parola stessa "finalizzato", il prestito è concesso per far fronte ad un acquisto di un bene (un'auto o un elettrodomestico ad esempio) o di un servizio (per esempio un viaggio).
L'importo erogato non passa per le mani di chi richiede il prestito (consumatore finale) ma viene direttamente reso disponibile a colui il quale vende il bene o servizio.

Quale scegliere dunque?
Tutto sta ad una attenta analisi di cosa ci viene proposto dalla banca o dalla finanziaria.
Molto spesso per semplicità si usufruisce del prestito finalizzato proposto direttamente dal negoziante (attraverso una finanziaria ovviamente!) per praticità: l'intera transazione si svolge al momento dell'acquisto direttamente in negozio. Talvolta però sarebbe opportuno sospendere un attimo l'acquisto e, dopo essersi recato a chiedere informazioni alla propria banca, affrontare la decisione con maggior cognizione di quello che si sta facendo.

Pubblicato da: Andrea De Magistris - Aggiornato il 31-08-2019




Valutazione dell'articolo
Quale tipo di prestito scegliere?

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto:4.8 su 5    -    Numero voti: 4
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 22-07-2019:
È possibile chiedere un prestito con busta paga estera e garante la pensione di un genitore ?

Risposta:
Gentile Utente,
no, chi richiede un prestito deve percepire il proprio reddito nel paese dove sta facendo richiesta.
La presenza del garante non sortisce effetti in questo contesto.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 09-07-2019:
Salve ho un contratto di 6 mesi, part time, con guadagno di 900 euro al mese, posso fare un prestito di 1500 euro pagabili in 6 rate?

Risposta:
Gentile Utente,
è un po' stretto con i tempi ed è improbabile che il prestito passi. Compatibilmente con il Suo contratto di lavoro è anche possibile che Lei attualmente sia nel periodo di prova, periodo in cui assolutamente nessuno eroga alcun finanziamento.
Al di là di una rata di circa 270 euro (questo sarebbe l'importo che Lei pagherebbe mensilmente) è troppo costoso rispetto a quanto al Suo reddito.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 08-01-2016:
HO CHIESTO CON CARTA POSTPAY 15OO EURO MI MANCANO NOVE RATE DA 78 EURO DA PAGARE POSSO RICHIEDERE UN ALTRO FINANZIAMENTO DA 1500PER CHIUDERE IL PRIMO PRESTITO

Risposta:
Gentile Utente,
senza una indicazione precisa del Suo reddito è difficile rispondere. Va comunque detto che il fatto che abbia già pagato 15 delle 24 rate previste gioca a Suo favore: ha avuto modo di dimostrare di essere buon pagatore e questo è uno dei requisiti fondamentali per avere accesso al credito.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 13-02-2015:
Per un prestito di mille euro e' necessaria la busta paga? Sia io che mia moglie siamo disoccupati.

Risposta:
Gentile Utente,
si, anche per un prestito di importo ridotto è necessario dimostrare di avere la capacità finanziaria per restituirlo.
Tale capacità è un reddito, regolare e dimostrabile attraverso una busta paga, se si è dipendenti, un cedolino pensione o un modello Unico se si è lavoratori autonomi o professionisti.
Le eccezioni sono pochissime: per un importo di 1.000 euro e nell'assenza di un reddito dimostrabile può essere indicato un prestito su pegno, ma bisogna disporre di beni preziosi (gioielli specialmente) per poter procedere.
Per approfondimenti può leggere:
Prestito su pegno
Saluti.
La redazione